Laura Bellandi se n’è andata credendo e servendo

E proprio facendo un servizio associativo, Laura è tornata alla casa del Padre.
Sulla copertina del testo che aiuta ciascuno a seguire la traccia del Vangelo dell’anno,
spicca la scritta “Servire e dare la propria vita” e nelle pagine introduttive si legge: “il
cuore e il massimo del servizio è dare la propria vita. (…) servire significa credere, servire significa dire sì, dire eccomi, servire significa scegliere. Scegliere dove stare, da che parte stare, ed esserci fino in fondo”.

Laura se n’è andata così: credendo e servendo.
Affidiamola al Signore.
Affidiamoci al Signore.
A Lui chiediamo Pace per la sua anima, Forza per i suoi cari, Consolazione per tutti noi.

Riprendendo semplicemente una parte della lettera del Consiglio Diocesano dell’AC di Como, la delegazione dell’AC regionale assicura la partecipazione a questo momento doloroso nella fraternità e nella preghiera di tutte le AC lombarde.